La Rivista Medica

Italiana "online"

è Accreditata ECM e permette di ottenere sino al 20/12/2024
9 Crediti n°1 Gennaio-Marzo
13,5 Crediti n° 2 Aprile-Giugno

 ordine

L'iscrizione per poter effettuare i corsi ECM prevede il versamento di una quota associativa annuale pari ad € 120,00. Per gli iscritti all'Ordine Provinciale di Roma dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, la quota associativa annuale  è di 50,00 €. Per effettuare il pagamento e registrarsi alla Rivista Medica Italiana, "CLICCA QUI"

 

Ministero della Salute

enpam logo payoff

FNOMCeO1

Istat

La Rivista Medica Italiana, periodico scientifico fondato nel 1982, nella nuova " versione online " si propone autorevolmente come moderna avanzata e dinamica opportunità scientifica liberamente aperta ai tutori della Salute. In particolare a quelli direttamente impegnati nel
Servizio Sanitario Nazionale.
Ciò emerge chiaramente dalla duplice missione che
" la Rivista Medica Italiana online " persegue:

  • l' Aggiornamento Scientifico nell' era del web
  • a distanza, essendo accreditata online, l' Aggiornamento ECM obbligatoriamente previsto per i Professionisti della Salute e Pubblici e Privati.

La Rivista Medica Italiana (allora in versione cartacea), è stata riconosciuta a carattere " culturale " dal Comitato Consultivo Interministeriale della Presidenza del Consiglio il 16/12/1983.

Tutti gli articoli pubblicati su La Rivista Medica Italiana sono redatti sotto la diretta ed esclusiva responsabilità degli Autori.

Nessuna parte può essere comunque duplicata senza l'esplicita e dettagliata citazione della fonte.

Come Avere Crediti ECM

Tramite una delle più semplici, complete e professionali piattaforme       FAD " Formazione a Distanza " si potranno conseguire comodamente dallo Studio, da Casa o durante il tempo libero i crediti formativi obbligatori per l'esercizio professionale usando il Pc, lo Smartphone o il Tablet dove e quando si vuole. Si potranno conseguire fino a 50 crediti ECM all'anno.

EDITORIALE

A Medicina: numero chiuso e/o numero programmato

Se è vero, com'è vero, che l'esperienza insegna si può ben dire che tale assunto, in Italia, non vale certamente per la "Questione Sanità". In particolare per un dato di fatto inconfutabile che la caratterizza: la "Domanda quantitativa e qualitativa dei Medici". Domanda, comunque configurata, drammaticamente ignorata oltre misura durante l'imperversare del Covid-19 (2020-2021). Paradossalmente, in primo luogo, da quanti politicamente responsabili del suo colpevole e imperdonabile impoverimento. Ovvero l'istituzione del  "condizionamento degli accessi a Medicina (definito Numero chiuso e/o programmato) imposto e regolamentato dalla L. 1999/264 nell'illusione di rispondere significativamente all'esigenza di far fronte alla crescente insufficienza delle risorse disponibili per il Servizio Sanitario Nazionale sancito dalla L. 833/1978: Pubblico, Equo, Universale, Solidale, Gratuito.

Leggi tutto

immaginemedici

  • Ennesimo passo avanti nei sistemi Bci (Brain computer interface), che consentono di creare un ponte fra macchine e cervelloumano. Gli elettrodi hanno rilevato i segnali del cervello e hanno sintetizzato le vocali«a» ed«e»Ennesimo passo avanti nei sistemi Bci (Brain computer interface), che consentono di creare un ponte fra macchine e cervelloumano. Gli elettrodi hanno rilevato i segnali del cervello e hanno sintetizzato le vocali«a» ed«e»Ennesimo passo avanti nei sistemi Bci (Brain computer interface), che consentono di creare un ponte fra macchine e cervelloumano. Gli elettrodi hanno rilevato i segnali del cervello e hanno sintetizzato le vocali«a» ed«e»

  • Il peggior danno causato ai figli (specie se minori) è la conflittualità tra genitori. Pochi conoscono l'istituto della mediazione familiare. Ma serve un cambio culturaleIl peggior danno causato ai figli (specie se minori) è la conflittualità tra genitori. Pochi conoscono l'istituto della mediazione familiare. Ma serve un cambio culturaleIl peggior danno causato ai figli (specie se minori) è la conflittualità tra genitori. Pochi conoscono l'istituto della mediazione familiare. Ma serve un cambio culturale